tè bianco in caraffa

Il tè bianco, origine, produzione e raccolta

Diamo per appurato che il tè bianco abbiamo molteplici proprietà, la prima fra tutte è di non essere ossidato.

Il tè bianco è originario della Cina, più precisamente della regione del Fujian, che si trova a sud est.

Una delle particolarità della raccolta sta nel fatto che vengono scelti solo i germogli che vengono colti ancora chiusi, sono poi fatti appassire ed essiccati all’imbra.

Fra tutti i tè il tè bianco è certamente il più puro, raccolto solo in pochissimi giorni all’anno e solo se le condizioni lo permettono.

Il tè bianco ha molte proprietà, è un tipo di tè non fermentato, o più precisamente non ossidato; il suo luogo di origine è il Fujian, una provincia situata nel sud-est della Cina. Del tè bianco se ne raccolgono i primi germogli ancora chiusi, che si fanno appassire per fare evaporare l’umidità, in seguito essiccare all’aria. Il tè bianco come lo Yin Zhen, anche chiamato “aghi d’argento” o “punte d’argento”, viene raccolto solo all’alba, nei primi due giorni di primavera e solo se le condizioni climatiche sono ottime. Il tè bianco è il tè più puro, quello che subisce meno trasformazioni di tutti, che conservano quindi un’elevata quantità di polifenoli, flavonoidi e altri elementi preziosi. Un altro tipo di tè bianco è il Pai Mu Tan.

Proprietà e benefici

Subendo pochissime trasformazioni, questo tè conserva una elevata quantità di polifenoli, flavonoidi ed altri elementi essenziali.
Contenendo poi poca caffeina ( un terzo in rispetto al tè nero), può essere consumato anche durante il pomeriggio senza arrecare disturbi al sonno.

Il tè bianco protegge il cuore, la presenza di polifenoli, antiossidanti, vitamina C ed E, fa si che sia un vero e proprio elisir per prevenire malattie cardiache, ictus e colesterolo.

Un’altra proprietà del tè bianco è quella di regolare e mantenere costante la pressione sanguigna.

Come si prepara il tè bianco

Il tè bianco è prezioso, ha doti eccellenti ed un gusto unico, non sprechiamolo con una cattiva preparazione!

La scelta migliore è quella di scaldare l’acqua fino a 80° senza farle prendere il bollore, mescolandola con un cucchiaio di legno per uniformare la temperatura.

Una volta portata a temperatura, togliere dal fuoco e mettere in infusione il tè bianco, per un tempo piuttosto lungo, dai dieci ai quindici minuti.

Il colore del tè bianco è tenue e riflette la sua personalità, è un giallo paglierino, delicato e sublime.

Le varietà del tè bianco

La prima varietà di tè bianco che vogliamo approfondire è al Tribute Eyebrow (Gong Mei). Partiamo da questa perché è la più differente, quella con il gusto più marcato e può essere maggiormente indicata a chi non ha mai gustato il tè bianco. Il gusto fruttato e più deciso sarà maggiormente apprezzato da chi assaggia questa tipologia di tè per la prima volta.

La seconda varietà di tè che vogliamo proporre è la Long Life Eyebrow (Bai Mudan), ha la particolarità di utilizzare foglie che sono state attaccate alla pianta per più tempo. Questo si riflette sul gusto, con una nota leggermente più forte rispetto le ultime due.

La penultima qualità di tè bianco che presentiamo oggi è il tè bianco White Peony ( Bai Mudan). Per questa tipologia di tè vengono impiegate germogli appena nati e piccole foglie.
Proprio questa ricercatezza ne determina un costo leggermente superiore rispetto gli altri tè bianchi.

L’ultima tipologia di tè bianco presentata è la miglior qualità disponibile sul mercato.

Il Tè bianco Silver Needle (Baihao Yinzhen) è considerato dal esperti e dai gourmand del tè come la miglior qualità. Per realizzare questo infuso di tè si usano solo i germogli più giovani della pianta del tè e questo ne determina il gusto leggero e delicato.

Tè verde poi tè bianco

Come abbiamo ben specificato, il sapore del tè bianco è delicato, sublime e ricercato.

Questa introduzione è d’obbligo per gli habitué del tè nero, che conoscono un gusto più forte e deciso.

Prima di degustare e di conseguenza poter apprezzare la delicatezza del tè bianco, consigliamo di intraprendere un “cammino di preparazione” assaporando prima altri tipo ti tè, come il tè Oolong.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *